Coliche del neonato: rimedi naturali e altre amenità – parte seconda

Storia di un bambino con le coliche e dei tre mesi più lunghi della mia vita

Leggi la prima parte del post

Al di là di cosa mangia il piccolo urlatore, comunque, pare che sia importante anche il “come” si alimenta: se il neonato è particolarmente “avido” durante la poppata – e manco a dirlo, è sempre stato il caso di BigD – è più facile che ingerisca molta aria. In questi casi, allora, si può tentare di metterlo al seno prima che sia troppo affamato, oppure interrompere ogni tanto la poppata per fargli fare il ruttino. Sempre che lui lo permetta, ovviamente. Se si usa il biberon, invece, si dovrebbe correggere la posizione del bimbo e l’inclinazione della bottiglia, sempre per scongiurare l’ingestione delle famigerate bolle d’aria. Per quanto riguarda i veri e propri rimedi naturali, sono un po’ controverse le tisane al finocchio, a lungo considerate un toccasana per i problemi digestivi dei poppanti ma più di recente finite sotto accusa per la presenza di estragolo, una sostanza contenuta appunto nei semi e di conseguenza nell’infuso di finocchio e riconosciuta da anni come cancerogena e genotossica. In realtà, vista la concentrazione di estragolo nelle tisane e le quantità che normalmente può assumerne un neonato, il rischio di intossicarsi rimane trascurabile, soprattutto se l’uso è limitato nel tempo mentre è invece possibile – ed è questo, forse, il vero aspetto da tenere in considerazione – che l’assunzione di liquidi diversi dal latte possa interferire con l’allattamento al seno. Un discorso che vale anche per altri infusi consigliati in caso di coliche gassose, come quelli di anice o camomilla, e che per questa ragione dovrebbero essere somministrati con estrema parsimonia, e comunque sempre dietro consiglio medico.

Molte madri giurano che il sistema migliore per alleviare i fastidi delle coliche è rappresentato dai massaggi, da effettuare, meglio se con l’ausilio di oli specifici a base di camomilla, maggiorana e altre erbe officinali, in senso circolare sul pancino del bebè, tracciando una specie di C intorno all’ombelico e cercando si seguire il profilo del colon. Per favorire l’espulsione dei gas intestinali si può anche far sdraiare il bambino sulla schiena e portargli delicatamente le ginocchia al petto, oppure muovergli le gambe in modo da simulare una “pedalata”. Molti, semplicemente, consigliano di tenere il piccolo a pancia in giù, magari sul petto della madre o del padre, per rassicurarlo e calmare i dolori. Con BigD abbiamo provato tutto tranne il massaggio tantrico e lo shiatsu, ma – devo ancora dirvelo? – senza troppi esiti. Funzionava un po’ di più, in effetti, spalmarmelo sul petto e accarezzarlo di continuo. Molte notti le abbiamo passate così, davanti alle repliche di improbabili trasmissioni di Real Time (quando il rimedio è peggio del male). A proposito, lo sapevate che c’è gente che mangia divani e pelo di gatto e non fa neanche una scoreggia? E poi mio figlio deve soffrire di coliche?! Comunque.

Direi che in generale il contatto prolungato con vostro figlio rappresenta la cura più efficace che possiate somministrargli (Davide si calmava un po’ ciucciando il mio mignolo, per esempio). Coccole, carezze, paroline sussurrate e, naturalmente, il seno. Anche piangere insieme a lui può servire, perché no. Infine, lunghe camminate, nel passeggino o meglio ancora in fascia, sono un altro sistema efficace per favorire l’espulsione del malefico gas e per aiutare il bambino a distrarsi e, se siete fortunati, prendere sonno. Forse l’unico mezzo, a parte la tecnica divano-koala-realtime, che ci ha permesso di far passare quei giorni sempre uguali, che sembravano destinati a non finire mai. Sembravano, appunto. Perché la buona notizia (ve l’avevo promessa!) è che prima o poi, come sono arrivate, queste crisi maledette vi lasceranno, restituendovi un bambino sorridente, rilassato e, forse forse, silenzioso. E se i soliti bene informati vi dicono di aspettare che il piccolo di scimmia urlatrice che avete generato compia tre mesi, voi credeteci! Neanche Paolo Brosio dopo l’ennesimo pellegrinaggio a Medjugorje sarebbe in grado di spiegare la ragione di questa guarigione improvvisa, ma l’importante è sapere che è solo questione di tempo. E, cosa ancora più importante, sappiate che di norma si tratta di un disturbo del tutto benigno, senza implicazioni sulla salute generale del piccolo malcapitato, che in capo a qualche mese se ne dimenticherà completamente.

Voi, invece, non ve ne scorderete mai, ma anche questo fa parte del gioco, no?

You may also like

3 Commenti

Letizia Palmisano 8 Ottobre 2013 - 14:59

Dopo due notti di coliche del bimbo la mia vita è decisamente cambiata. In primis nell’alimentazione. Via tutta una serie di cibi e ora si va a tentativi. Fortunatamente molte cose le posso ancora mangiare. Però ho introdotto fiumi di camomilla, tisane al finocchio accompagnate da foglie di alloro e miele (con corse per far pipì spesso e volentieri battendo i record di velocità), finocchi freschi, semi di anice (me li mastico pure così oltre che metterli nei cibi in cottura), fiori di finocchio, finocchietto selvatico… più qualche massaggio sul pancino e con le gambine a far su e giù (anche in via preventiva) . Il terrore di ripetere quelle 2 notti consecutive è stato troppo forte… Fino ad ora abbiamo notevolmente ridotto le coliche. C’è da dire che lui si attacca al seno bene… prende più aria mentre piange disperato perché ha fame, secondo me…

Reply
Silvana - Una mamma green 8 Ottobre 2013 - 15:15

Come ho scritto nel post, io sono arrivata alla conclusione che il gas intestinale e il conseguente mal di pancia sia sono una delle cause di questi pianti inconsolabili. Almeno nel caso di mio figlio, l’istinto mi dice questo, anche perché né le restrizioni alimentari che ho sopportato, né i chili di finocchi e i litri di tisane hanno sortito effetti significativi. Come Bruno, pure Davide si attaccava (e si attacca tuttora) al seno per bene, però effettivamente è sempre stato un mangione e il mio latte sembrerebbe essere particolarmente calorico (BigD non è un soprannome dato a caso). In effetti questo può avere avuto il suo peso. Come ho già detto, comunque, tante coccole e tanta pazienza. Andrà tutto bene 🙂

Reply
Mariangela 13 Settembre 2017 - 15:06

Oggi leggo il tuo post, e tiro ricordo tutte quei giorni e notti con crisi di pianto dove mi chiedevo se mio figlio fosse un camaleonte o come poteva cambiare da bianco a viola cosi velocemente e non poter fare niente al riguardo…. niente medicinali, tisane varie, diete, niente… alla fine ho tolto tutto tranne che carne, riso, insalata e frutta e a 3 mesi le colliche misteriosamente solno passate… tutt’ora ho paura di mangiare pur di non passare per quella situazione ancora… a me però si univa il fatto che lui aveva l’intestino pigro e non riusciva andare di corpo da solo, quindi oltre a tutto quello che hai menzionato va aggiunto il sondino che, ovviamente, non era del suo piacimento

Reply

Lascia un commento